Analisi visiva

Presso il nostro studio optometrico potrai effettuare un'analisi visiva accurata che prevede una serie di test per valutare l'acuità visiva da lontano e vicino, lo stato della visione binoculare, la stereopsi (visione tridimensionale), la capacità di messa a fuoco veloce, precisa e facile (accomodazione). L'ottica non svolge attività medico - oculistica.

Abilità visive

La visione si apprende e si sviluppa dall'infanzia. Per imparare a camminare, il bambino striscia, gattona, incomincia ad alzarsi per stare eretto e infine cammina senza aiuto. Un analogo processo avviene nello sviluppo della visione. La visione si sviluppa passo dopo passo con la crescita del bambino. Alcuni, per svariati motivi, non completano correttamente tutte le giuste tappe evolutive e, dal punto di vista visivo, si trovano impreparati ad affrontare gli impegni scolastici. L'83% delle informazioni per un veloce apprendimento passa dalla vista e dalla visione, solo l'11% passa attraverso l'udito. Ne consegue che la visione ha un ruolo determinante nell'apprendimento scolastico, nello sport e nel lavoro.

Le abilità visive che si sviluppano con la crescita comprendono:

  • Inseguimento: la capacità di seguire un oggetto in movimento facilmente e accuratamente con entrambi gli occhi. Per esempio, una palla in volo o un veicolo che si muove nel traffico;
  • Percezione della profondità: la capacità di valutare le relative distanze tra gli oggetti, muovendosi in uno spazio tridimensionale, per esempio quando si colpisce una palla o si parcheggia l'auto;
  • Fissazione: l'abilità di localizzare ed esaminare velocemente e accuratamente con entrambi gli occhi una serie di oggetti fermi, uno dopo l'altro, per esempio quando si legge e ci si muove. Una carenza di quest'abilità può causare errori nel passaggio da una riga all'altra;
  • Binocularità: capacità di usare entrambi gli occhi insieme, facilmente e simultaneamente.
  • Convergenza: la capacità di ruotare gli occhi l'uno verso l'altro per guardare gli oggetti da vicino e mantenere un allineamento oculare efficiente nel tempo;
  • Salti di messa a fuoco: capacità di guardare velocemente vicino/lontano e viceversa, senza momentanei annebbiamenti o sdoppiamenti (quando si copia alla lavagna); 
  • Visione periferica: capacità di percepire ciò che accade in visione laterale (con la coda dell'occhio) mentre si esegue un compito che impegna la visione centrale, per esempio percepire l'avvicinarsi di una persona mentre si legge. E' la capacità di usare tutta l'informazione ricevuta. 
  • Concentrazione: capacità di proseguire facilmente nell'esecuzione di una particolare attività nel tempo:
  • Visualizzazione: capacità di formare immagini mentali per riutilizzarle successivamente. Quest'abilità è molto importante per apprendere velocemente;
  • Acuità visiva da lontano: capacità di vedere nitidamente e identificare oggetti posti a una distanza di 6 metri, i 10/10. Questa è solo una delle abilità visive e non necessariamente la più importante. Un'acutezza visiva di 10/10 non necessariamente esclude la presenza di disturbi visivi;
  • Acuità visiva da vicino: capacità di vedere nitidamente e identificare oggetti da vicino entro la lunghezza delle braccia. 
Rieducazione visiva

La Rieducazione visiva o Visual Training è una tecnica di ginnastica dolce che si occupa dello sviluppo e del miglioramento delle abilità visive. Consiste in una serie di compiti visivi e visuo-percettivi-motori studiati per le specifiche esigenze di ogni singolo individuo, con l'obiettivo di migliorare i diversi aspetti della funzione visiva, soprattutto attraverso l'integrazione multisensoriale.


Attraverso tecniche specifiche, ogni soggetto vedrà migliorare: 

  • le proprie abilità visive e motorie;
  • la postura;
  • la velocità di lettura;
  • la concentrazione;
  • l'apprendimento in genere

Questa tecnica è indicata a tutte le età, non è mai troppo tardi per iniziare un programma di Visual training, applicabile a numerosi disturbi visivi: miopia,presbiopia, astigmatismo, ipermetropia, stress visivo. Requisiti indispensabili sono l'impegno, la costanza nell'applicazione delle tecniche utilizzate durante il training, oltre alla partecipazione che il soggetto mostra verso l'allenamento stesso.


Presso il nostro centro è possibile prenotare un ciclo di potenziamento delle abilità visive (tel. 348-3026691), che è composto da una seduta in studio (settimanale o quindicinale) di un'ora e da esercizi da eseguire ogni giorno a casa. Il soggetto viene seguito attentamente dall'optometrista, che fornisce i materiali e gli strumenti di supporto da utilizzare, settimana dopo settimana, aumentando gradatamente le difficoltà richieste. 


Il ciclo di potenziamento si conclude con una valutazione finale dell'effettivo miglioramento, mediante test che verificano efficienza, correttezza, rapidità e dinamicità della prestazione.   

Difficoltà di apprendimento

Nel processo di apprendimento della lettura e della scrittura, la visione ha un ruolo importante. L'apprendimento della lettura e della scrittura è un processo complesso, che richiede al bambino un'attività neuropsicologica impegnativa nella quale egli deve, passo dopo passo, automatizzare alcuni dei processi da cui essa è composta. Per acquisire e analizzare i testi scritti, è necessario che il bambino possieda una visione integra ed efficiente. Se vedere significa imparare, veder bene significa imparare bene in meno tempo. Presso il nostro centro, si eseguono test specifici ai bambini per valutare l'integrità visiva (acutezza visiva e condizione refrattiva) e l'efficienza della visione (accomodazione, convergenza, visione binoculare, stereopsi, movimenti oculari).

A livello visivo, la lettura e la scrittura vengono operate da una serie di abilità neuro-muscolari e visuo-percettive. Le funzioni oculomotorie (saccadi e fissazioni) sono alla base di una lettura senza sforzo, il controllo del movimento oculare permette infatti di seguire la linea del testo in scrittura, spostarsi da una riga all'altra e spostare la fissazione dalla lavagna al banco. Anche la capacità di focalizzazione permette una lettura e scrittura senza sforzo e interviene nelle attività di copiatura dalla lavagna. La percezione della forma è una delle abilità visuo-percettive coinvolte nella lettura e nella scrittura: permette infatti di discriminare le forme, individuando le differenze, e di discriminare lettere o parole simili. La coordinazione oculo-manuale è invece alla base di una scrittura fluida e senza sforzo. Interviene nel processo di copiatura e nella coordinazione motoria fine.

Qualora il bambino presenti un DSA (disturbo specifico dell'apprendimento), è di estrema importanza effettuare un controllo optometrico specifico per valutare l'adeguatezza delle abilità visive collegate a lettura e scrittura. Spesso affermazioni come "il ragazzo è intelligente, ma non s'impegna, potrebbe fare di più", possono nascondere una difficoltà visiva che un attento esame optometrico può evidenziare. Prenota la valutazione delle abilità visive al numero 348-3026691.

Visione e postura

La postura rappresenta l'atteggiamento che il nostro corpo assume nello spazio, in relazione al nostro rapporto con l'ambiente esterno. Essa rappresenta un mezzo di comunicazione tra il nostro mondo interiore e quello che ci circonda ed è quindi influenzata da stress, traumi fisici ed emotivi, posture professionali scorrette mantenute nel tempo, problematiche visive non corrette, occlusioni dentali errate. 


L'occhio è legato tramite circuiti neurologici alla muscolatura cervicale, allo scopo di coordinare la posizione della testa con le richieste visive. L'80% delle informazioni che giungono al nostro cervello, provengono dai nostri occhiLievi alterazioni del sistema visivo, non corrette, possono portare ad assumere posizioni anomale del capo che, alla lunga, determinano squilibri posturali. 


Tensioni muscolari asimmettriche possono alterare abilità visive come covergenza, binocularità e movimenti oculari. Posture scorrette possono causare variazioni dell'equilibrio tra i due occhi. 

Igiene visiva

In passato le persone passavano molte più ore all'aria aperta e la loro vista era sottoposta a meno sollecitazioni visive. Oggi, i nostri occhi sono continuamente impegnati in attività che richiedono sforzo visivo (computer,televisori, tablet...) per questo è necessario, più che in passato, salvaguardare la salute dei nostri occhi.

Ecco alcune indicazioni utili:

- L'illuminazione sul piano di lavoro tre volte maggiore rispetto al resto della stanza. La testa del soggetto non deve proiettare la sua ombra sul piano di lavoro;

- Il piano di lavoro deve essere regolabile nell'inclinazione, di fronte a una finestra in modo da permettere al soggetto di focalizzare a intervalli (ogni 10 min.) un punto lontano per 10 sec.;

- L'altezza della sedia: è necessario riuscire ad appoggiare le estremità inferiori al pavimento;

- Ottimale distanza di lettura e scrittura (quella che separa il gomito e la prima falange del dito medio, distanza di Harmon);

- Utilizzare l'impugnatura della penna a "triangolo", posizionando le dita a 2cm dalla punta per evitare inclinazioni di lato della testa o del busto.

- Tv va ossservata a una distanza pari a sette volte l'ampiezza dello schermo, stando seduti correttamente e con la stanza illuminata;

- Praticare con regolarità sport ed attività all'aria aperta perché favoriscono l'elasticità tra le componenti visive, raffinano l'acutezza visiva dinamica e la percezione della profondità.

Si può prenotare la lezione di igiene visiva al numero 348-3026691